Selezionare mercato e la lingua

Se il vostro Paese non è indicato selezionare il «Sito web internazionale».

Selezionando il paese abbandonate il sito attuale del paese. Per favore considerare che l'intera gamma di prodotti non è disponibile in tutti i paesi!

Gilgen apre le porte delle stazioni della metropolitana di Tolosa

Impediscono ai passeggeri di passare per sbaglio dalla banchina ai binari: le cosiddette Platform Screen Doors (PSD) o porte in banchina contribuiscono in modo determinante alla sicurezza dei passeggeri dei treni. Le porte, che sono inserite in una facciata sulla banchina, consentono il passaggio solo quando il treno è arrivato e si è fermato. Da Hong Kong a New York, da Stoccolma a Pechino: da un quarto di secolo Gilgen Door Systems fornisce porte in banchina a gestori di tre continenti. Ora l’azienda si è aggiudicata l’appalto per l’ampliamento di ben 18 stazioni della metropolitana della linea A della francese Tolosa.


Già nel 1993 Gilgen aveva realizzato il primo progetto per porte in banchina per la messa in funzione della linea A della metropolitana di Tolosa con le sue 15 stazioni. Un progetto di successo: dieci anni più tardi la linea A è stata ampliata con tre stazioni – è stata nuovamente Gilgen a realizzare le porte in banchina. Oggi, a 25 anni dalla messa in funzione, la linea A viene modernizzata e ampliata. Intanto viene utilizzata ogni giorno da più di 250.000 passeggeri.

Affidabilità e qualità da 25 anni
Ora il progetto di successo per Gilgen continua: l’elevata affidabilità e la qualità delle sue Platform Screen Doors con un utilizzo quotidiano particolarmente intenso ha convinto sia i gestori che i passeggeri. Robert Hug, caposettore alla Gilgen Door Systems, afferma: «Da un quarto di secolo questi sistemi di porte automatiche dimostrano di essere affidabili nella quotidianità più difficile. Non potrebbe esserci un attestato di capacità migliore. A ciò si aggiunga il fatto che ora ci siamo aggiudicati anche l’appalto per i nuovi sistemi di porte.» Così Gilgen potrà fornire una volta di più alla cliente Siemens France, su incarico della Société de la Mobilité de l’Agglomération Toulousaine (Società per la mobilità dell’agglomerato urbano di Tolosa), sistemi di porte automatiche di ineccepibile qualità.

Raddoppio delle capacità e sistemi di porte di ultima generazione
Il progetto comprende l’aggiornamento completo dei sistemi di porte esistenti delle 18 stazioni della metropolitana. Per venire incontro all’aumento della richiesta di capacità, l’odierna composizione dei treni verrà raddoppiata. Ciò a sua volta rende necessario raddoppiare anche le odierne facciate, lunghe 26 metri: le nuove facciate saranno lunghe 52 metri e, al posto di sei, avranno dodici sistemi di porte automatiche per facciata e piattaforma. Precisione e affidabilità sono fattori importanti non solo per il funzionamento, ma anche per la ristrutturazione, spiega Robert Hug: «Poiché la metropolitana è così intensamente frequentata, è impensabile interrompere il servizio per portare a termine la ristrutturazione. Abbiamo quindi a che fare con un progetto di retrofit: è stato necessario effettuare tutti gli interventi di notte, durante le interruzioni ufficiali di servizio della metropolitana.»

Mentre il design delle facciate è stato mantenuto – già nel 1993 era caratterizzato da una linearità estetica, user-friendly – la tecnica per l’automatismo e il comando di Gilgen risulterà all’avanguardia. Inoltre la linea verrà equipaggiata con un sistema di monitoraggio per il funzionamento. Robert Hug dichiara: «In questo modo la linea A della metropolitana di Tolosa è equipaggiata per affrontare i prossimi 25 anni. E sia i gestori che i passeggeri potranno essere contenti di porte veloci, silenziose, sicure ed estremamente affidabili.» Quindi, per un ulteriore aumento di capacità della metropolitana, tutte le porte sono letteralmente aperte – automaticamente.

Comunicato stampa

All'insù

Selezionare mercato e la lingua